Progetto Microcredito

Il microcredito è una forma di finanziamento tramite prestito per sostenere l’attività professionale degli psicologi e lo sviluppo del ruolo della professione. La particolarità del “Progetto Microcredito” di ENPAP è che si tratta:

  • di un prestito a tasso agevolato;
  • fino a 100.000 euro;
  • erogabile anche all’interno di un progetto di finanziamento per attività svolte dall’iscritto che opera in società, cooperative o enti;
  • basato sulla valutazione di un business plan che va presentato contestualmente alla domanda;
  • con una garanzia prestata dall’ENPAP.

IL “PROGETTO MICROCREDITO” IN DETTAGLIO. Il “Progetto Microcredito”, previsto dal  Regolamento delle Forme di Assistenza (Capo VIII – Interventi assistenziali a sostegno della professione), si realizza mediante la costituzione in garanzia da parte dell’Ente di un patrimonio concordato con un Istituto finanziario convenzionato destinato in via esclusiva a supportare le richiesta di finanziamento degli Iscritti all’ENPAP. Trattandosi di un’attività finanziaria, l’Ente ha sottoscritto un’apposita convezione con  la Fidiprof Società Cooperativa (Nord e CentroSud) e un istituto di credito (UNICREDIT S.p.A.) per la costituzione dei fondi a garanzia e per la disciplina dei rapporti legati alle operazioni di finanziamento.

BANDO ANNUALE. Ogni anno l’Ente destina un importo quale patrimonio di garanzia per l’attuazione del “Progetto Microcredito” e predispone l’apposito Bando. L’Ente svolge, altresì,  una funzione di verifica e controllo sull’utilizzo del finanziamento, lo stato di attuazione del progetto e la regolarità contributiva che dovrà essere garantita per tutta la durata del finanziamento. Per il 2017 il Bando è QUESTO.

DESTINATARI E IMPORTO FINANZIAMENTO. Possono beneficiare dell’iniziativa assistenziale gli Iscritti all’Ente da almeno due anni, attivi e pienamente in regola con gli adempimenti in materia di comunicazione reddituale e di versamenti contributivi alla data di presentazione della domanda.

Il finanziamento richiedibile per ciascuna domanda non può eccedere il limite massimo di 100.000,00 euro.

 Attenzione!  Sarà possibile formulare una nuova domanda di partecipazione al presente Bando, solo nel caso in cui sia stato interamente estinto il finanziamento ottenuto a seguito di eventuali precedenti richieste allo stesso titolo.

MODALITÀ DI ACCESSO. Se sei interessato al Bando, devi procedere con la compilazione dell’apposita domanda (scarica qui il modulo) e inviarla all’ENPAP a mezzo PEC all’indirizzo welfare@pec.enpap.it oppure spedirla o consegnarla a mano presso la sede dell’ENPAP (via Andrea Cesalpino n. 1, 00161 Roma).

Alla domanda deve necessariamente essere allegato il “piano business” con riportata:

  • la descrizione dell’iniziativa che si intende avviare sul territorio italiano e dei servizi che si intendono offrire;
  • l’indicazione dell’eventuale coinvolgimento di ulteriori professionisti psicologi oltre il proponente nonché di altre figure lavorativi e del titolo sul quale verrebbe a fondarsi la collaborazione con loro;
  • la definizione degli obiettivi attesi in termini economici e di ricaduta sociale;
  • il piano di sviluppo temporale del progetto;
  • una prima analisi del fabbisogno finanziario e dei flussi di cassa attesi nei primi due anni di realizzazione progettuale;
  • la quota di eventuale autofinanziamento;
  • l’indicazione di tipologia e quantità di beni strumentali eventualmente necessari (finanziabili, in via generale, limitatamente ai progetti di avvio professionale.

Alla domanda devono, altresì, essere allegati:

  • modello ISEE (non necessario in caso di autocertificazione di superamento della soglia massima dell’indicatore della situazione economica equivalente);
  • copia fronte-retro di un documento di identità in corso di validità;
  • eventuale documentazione (in copia) attestante la partecipazione a iniziative formative rivolte allo sviluppo di competenze manageriali e finanziarie.

GRADUATORIA. Ciascuna domanda, nel rispetto dell’ordine cronologico di arrivo, sarà preventivamente valutata da un’apposita Commissione interna all’ENPAP. La valutazione terrà in particolare conto delle modalità con cui il candidato/la candidata intende sviluppare o promuovere l’attività professionale e della sostenibilità del “piano di business” in relazione agli importi richiesti.

La Commissione valuterà l’ammissibilità o meno al Bando procedendo, con cadenza trimestrale, a formare apposita graduatoria.

 Attenzione! La Commissione potrà attribuire un maggior punteggio ai candidati che dichiareranno espressamente la loro disponibilità alla diffusione del “piano business” proposto allo scopo di contribuire alla realizzazione di un patrimonio di conoscenza condivisa utile allo sviluppo della professione. La diffusione del “piano” avverrà a partire dal secondo anno successivo a quello di attuazione dello stesso e ferma la garanzia di riservatezza.Costituisce, invece, titolo preferenziale ai fini della stesura della graduatoria del Bando, l’aver partecipato a un percorso formativo volto allo sviluppo di competenze manageriali e finanziarie.

EROGAZIONE E GESTIONE DEL FINANZIAMENTO. Le domande per le quali si sia concluso l’esame con esito positivo saranno trasmesse all’Istituto finanziario convenzionato per la gestione del patrimonio garantito e per l’erogazione dei finanziamenti. L’Istituto finanziario, indipendentemente dall’esame effettuato dall’ENPAP, svolgerà le verifiche tecniche di propria competenza (valutazione del merito creditizio).

Ricevuta la valutazione positiva anche da parte dell’Istituto di credito, l’iscritta/o sarà invitata/o a sottoscrivere il contratto di finanziamento con l’Istituto convenzionato e attivare contestualmente le procedure di adesione al Fidiprof territorialmente competente (la quota associativa è pari a euro 250,00 che è restituibile al termine del finanziamento, qualora non si voglia più mantenere lo status di socio Fidiprof).

Attenzione! Il finanziamento sarà erogato direttamente dall’Istituto finanziario convenzionato e l’erogazione potrà avvenire anche in più soluzioni, in linea con il “piano di business” e sulla base del contratto di finanziamento tra lo stesso Istituto e l’iscritto/iscritta.

PRODOTTI FINANZIABILI. I prodotti finanziabili sono:

  • “Mutuo Professionisti” – si tratta di un finanziamento chirografario della durata massima di 5 anni per investimenti materiali e immateriali strumentali all’avvio, alle spese ordinarie o alla ristrutturazione del proprio studio professionale;
  • “Fido per cassa” – si tratta di un finanziamento accessorio, che può eventualmente integrare il “Mutuo Professionisti”nel limite complessivo dei 100mila euro, erogato sotto forma di apertura di credito in conto corrente (plafond massimo euro 30.000,00).

Per maggiori informazioni consultare il Volantino della Convenzione dove sono riportati anche i contatti a cui rivolgersi per approfondimenti.