Contributo paternità e genitorialità

Il Contributo per la paternità e la genitorialità assicura agli Iscritti che stanno per diventare genitori, anche nel caso di coppie omosessuali, un assegno di 1.000,00 euro all’ingresso in famiglia di ogni figlio.

Il provvedimento è pensato per facilitare la presa in carico congiunta del bambino neo arrivato da parte dei due genitori, consentendo anche una maggiore libertà di scelta alle famiglie circa la suddivisione dell’impegno di accudimento.

Vuole, poi, essere un modo per liberare una parte delle energie delle donne, attribuendo anche al partner la possibilità di prendersi cura del piccolo, soprattutto nel primo periodo, grazie al contributo economico stanziato.

Il contributo economico verrà erogato attraverso bandi trimestrali (Capo VII del Regolamento delle Forme di Assistenza). In fase di prima applicazione il Bando 01 luglio-30 settembre 2015 ha coperto anche il periodo che andava dalla definiva approvazione ministeriale del provvedimento (16 aprile 2015) al 30 settembre 2015.

NATURA DEL CONTRIBUTO
DESTINATARI DEL CONTRIBUTO
ENTITÀ DEL CONTRIBUTO E GRADUATORIA
TEMPI E MODALITÀ PRESENTAZIONE DOMANDA
TRATTAMENTO FISCALE
CERTIFICAZIONE FISCALE
BANDI IN CORSO

 



NATURA DEL CONTRIBUTO

Il contributo per la paternità e la genitorialità è di natura solidaristica e viene finanziato attraverso i contributi di tutta la comunità professionale. Le prestazioni sono erogate dall’Ente come misura che consenta a entrambi i genitori di conciliare impegni professionali e parentali con l’obiettivo di permettere loro di prendersi cura dei figli in modo condiviso.


DESTINATARI DEL CONTRIBUTO

Il contributo è corrisposto a tutti gli Iscritti all’Ente da almeno un anno alla data dell’evento, purché in regola con gli adempimenti dichiarativi e contributivi nei confronti dell’Ente stesso e che non abbiano titolo a percepire altra indennità a copertura dei periodi di maternità obbligatoria di cui alla relativa normativa vigente in materia.


ENTITÀ DEL CONTRIBUTO E GRADUATORIA

L’entità del contributo è definito annualmente dal Consiglio di amministrazione in funzione delle disponibilità presenti nell’apposito Fondo e fino all’esaurimento delle somme stanziate. Attualmente è stabilito in euro 1.000,00 lordi. Nel caso in cui venga presentata domanda per lo stesso figlio da parte di genitori entrambi iscritti all’Ente e aventi diritto, l’indennità verrà erogata nella misura del 50% per ciascuno.
Qualora il numero delle domande validamente presentate originasse una spesa superiore allo stanziamento deliberato si procederà a erogare il contributo in base a una graduatoria così come definita nell’apposito Bando.


TEMPI E MODALIT
À PRESENTAZIONE DOMANDA

Presentazione domanda
Online attraverso la tua Area Riservata (Prestazioni Assistenziali>Genitorialità e Paternità); la domanda dovrà essere compilata entro 60 giorni dall’ingresso del figlio nel nucleo familiare.

Integrazione documentale
Entro 30 giorni dalla compilazione telematica della domanda devono essere presentati esclusivamente tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) all’indirizzo welfare@pec.enpap.it  i seguenti documenti:

  • modello ISEE del nucleo familiare del richiedente riferito all’ultima annualità fiscalmente dichiarata;
  • certificato di stato di famiglia rilasciato in data non antecedente all’evento o autocertificazione attestante la composizione del nucleo familiare;
  • copia del provvedimento di adozione o di affidamento preadottivo.
Attenzione! Nel caso di ingresso contemporaneo di più figli, dovrai presentare una domanda per ciascun figlio.

 

TRATTAMENTO FISCALE

Il contributo per la paternità e la genitorialità è sostitutivo del reddito professionale e l’importo erogato è sottoposto a ritenuta d’acconto del 20%, salvo che tu abbia aderito a un regime fiscale agevolato (vedi nota). Inoltre, siccome rappresenta reddito ai fini Irpef, deve essere dichiarata ai fini fiscali relativamente all’anno in cui è stata percepita e devi quindi inserirla nel reddito netto da dichiarare all’ENPAP, versandoci anche il contributo soggettivo. Su tali importi non devi invece versare il contributo integrativo.

Se hai aderito ad uno dei regimi fiscali agevolati puoi richiedere l’esenzione dalla ritenuta d’acconto sull’importo liquidato come contributo per la paternità e la genitorialità. Dovrai richiederlo con apposita autocertificazione, da allegare alla domanda, dalla quale risulti l’appartenenza al regime agevolato.

Attenzione!

  • Se presenti la domanda verso la fine dell’anno, per poter usufruire dell’esenzione, dovrai possedere i requisiti per beneficiare del regime fiscale agevolato nell’anno in cui il trattamento in questione è liquidato e non nell’anno di presentazione della richiesta.
  • Non potranno, invece, essere prese in considerazione le richieste di esonero formulate successivamente all’avvenuta erogazione del contributo.

 

CERTIFICAZIONE FISCALE

Potrai scaricare la certificazione fiscale (Certificazione Unica) dell’indennità percepita nella sezione DOCUMENTI della tua Area Riservata entro i termini fiscalmente previsti per legge e, in ogni caso, a partire dall’anno successivo a quello di erogazione.

 

BANDI IN CORSO

Per maggiori informazioni consulta il Bando per Contributo Economico per la Paternità e la Genitorialità

BANDO PRIMO TRIMESTRE 2019

BANDO SECONDO TRIMESTRE 2019

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Regimi fiscali agevolati