12 marzo 2020

Emergenza Covid-19: misure e operatività di ENPAP

Stiamo attraversando un’emergenza sanitaria che sta richiedendo agli Psicologi e a tutti i Cittadini un impegno rilevante.

ENPAP si sta adoperando per la tutela e il sostegno degli Iscritti in oggettiva difficoltà, nel rispetto dei propri regolamenti e delle previsioni normative, al fine di adottare tutti i possibili interventi che possano garantire un supporto agli Psicologi liberi professionisti.

A questo proposito, ENPAP è pronto ad adottare le norme di legge emergenziali che saranno previste dallo Stato adottando quindi un provvedimento di sospensione dei termini relativi agli adempimenti e ai versamenti di contributi previdenziali a decorrere dal 23 febbraio 2020.

In questi giorni ci siamo organizzati per garantire la funzionalità degli Uffici dell’Ente improntandoli al rispetto delle normative emanate dal Governo. Abbiamo attivato un piano di emergenza che prevede il ricorso a forme di smart working che ci consentiranno, seppur con tempi meno rapidi, di assicurare l’operatività degli Uffici e i servizi essenziali.

In osservanza delle richieste del Governo e delle Autorità sanitarie di mantenere comportamenti improntati alla massima responsabilità, sono stati sospesi fino a nuova comunicazione il ricevimento al pubblico presso la Sede e, in considerazione dell’operatività ridotta degli Uffici, il servizio di risposta telefonica.

I Colleghi che avessero necessità di contattare l’Ente possono sempre farlo grazie agli altri consueti canali, utilizzando la sezione “ENPAP Risponde” presente in Area Riservata oppure inviando una email utilizzando i recapiti riportati nella pagina Contatti del sito.

ENPAP, unitamente a tutte le Casse di previdenza e agli Ordini, sta facendo pressioni sul Governo, affinché, alla luce della emergenza sanitaria in atto, siano riconosciuti ai Liberi Professionisti sussidi per la sospensione dell’attività lavorativa, altrimenti non previsti sulla base della regolamentazione vigente.A sostegno delle Iscritte e degli Iscritti nell’attuale situazione di emergenza, ENPAP amplierà gli stanziamenti dedicati alle forme di assistenza consentite dal relativo Regolamento e, in particolare, quelle del bando indennità di malattia o infortunio. Quest’ultima indennità sarà disponibile anche per l’eventuale condizione di inattività dovuta a quarantena purché debitamente certificata dal medico o da Struttura sanitaria competente.