16 dicembre 2016

Ridotto il tasso di interesse per i ritardi nei pagamenti dei contributi

La contribuzione è la base per la costruzione della pensione. È importante favorire una contribuzione costante, robusta e semplice.  La riduzione degli interessi di mora va in questa direzione: facilitare il rientro da situazioni di irregolarità e agevolare i piani di rateazione dei versamenti. Questo è solo un primo passo, in un progetto di riorganizzazione dei contributi che dovrà necessariamente essere più complessivo.

Ma è un passo importante: dal primo gennaio 2017 vengono ridotti gli interessi in caso di dilazione o ritardato pagamento dei contributi. Il tasso di interesse si riduce di più di un quarto e passa dallo 0,48 % allo 0,35% mensile.

Come sempre, questa decisione che è stata deliberata diversi mesi fa, ha dovuto attendere l’autorizzazione Ministeriali per poter essere resa effettiva.

Anche questo è un modo per dare una mano a chi è in un momento di difficoltà.

Felice Damiano Torricelli

Presidente
Ho 50 anni, sono sposato, vivo in provincia di Roma e ho tre figli. Mi occupo di previdenza perché credo che ogni professionista debba guardare al suo futuro, non solo aggiornandosi ma programmando per tempo la sua carriera e la sua sicurezza. Faccio lo psicologo dal 1990, soprattutto nel settore della psichiatria. Sono direttore sanitario e responsabile clinico di strutture intermedie ed esercito come psicoterapeuta nel mio studio privato. Sono stato fra i fondatori di AltraPsicologia.